Ti trovi in:

Home » Territorio » Cosa visitare » A Cunevo

A Cunevo

di Lunedì, 02 Maggio 2016

Luoghi e punti di interesse sul territorio di Cunevo

Immagine decorativa

E' una fessura nella roccia, una "corona" (secondo il termine dialettale che sta a indicare una grande caverna); è un' emozionante muraglia di pietre alta una ventina di metri per trenta di lunghezza. Probabile riparo già in epoca preistorica (Età del Bronzo), trova le prime certe citazioni a partire dal XIII secolo.
Questa poco frequente tipologia, nel Trentino, si caratterizza per uno scopo squisitamente militare, perchè permetteva di essere abbandonato senza incertezze non appena la situazione politica lo consentiva.
L'abitabilità, divisa su tre piani e povera di agi , non fu continuativa; durò comunque fino non oltre il Cinquecento. Del castello oggi sono visibili solo i ruderi. Attualmente sono in corso d'opera dei lavori di restauro.

Immagine decorativa

Casa estiva e antico santuario.

Immagine decorativa

Attorno al 1850 l'esiegenza di una chiesa più ampia rispetto a quella di san Lorenzo fece nascere una controversia tra chi avrebbe voluto la costruzionedella nuova chiesa sopra la vecchia e chi l'avrebbe voluta al centro del paese, pressapoco dove si trova oggi. Dopo un alunga disputa la chiesa, anzichè nei fondi de Job e Martini corrispondenti all'attuale Casa Dolzani, venne costruita più a mattina, nel fondo dei fratelli GB e Giuseppe Dalpiaz. Ubicata nel centro del pase , con l'ingresso principale dalla piazza, è ad una navata con l'abside rivolta a mattina incorporata nel muro perimetrale. La facciata è due piani sormontati da un timpano triangolare. L'interno, ampio e maestoso ma dall'aspetto sobrio e austero è diviso in 3 campate con due cappelle laterali.

Immagine decorativa

Non si può stabilire con certezza la data di costruzione della chiesa di San Lorenzo. Probabilmente già prima dei sec. XIII e XIV esiteva in paese una piccola chiesa o quantomeno una cappella.
L'erezione della chiesa sembra comunque risalire al sec.XIII se non già al XII. Sicuramente esiteva nel 1327.
Già nei secoli XIV e XV l'edificio fu sottosposto a modifiche che in parte le fecero perdere il suo primitivo aspetto romanico.
Nella seconda metà del 1400 venne decorata di affreschi (oggi parzialmente coperti e rovinati) dei f.lli pittori Giovanni e Battista Baschenis de Averaria, firmati dal solo "Iohannes de Averaria" nella prima campata a sinistra con la data 1490.
L'impianto è a croce latina e ad una navata con orientamento a mattina. Il portale rinascimentale in pietra chiara, decorato con motivi floreali di rose in rilievo e a punte di diamante, reca scolpito l'anno 1559, data indicante la fine dei lavori di riedificazione della chiesa gotica avviati già del XV secolo. E' ornata con fregi e figure scarsamente leggibili.